1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

UniCredit emette bond subordinato Tier 2 per 1 mld$

QUOTAZIONI Unicredit RspUnicredit
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

UniCredit ha annunciato di avere emesso uno strumento subordinato di tipologia Tier 2 per un ammontare di un miliardo di dollari, con una struttura innovativa callable. I titoli hanno una scadenza a 15 anni e prevedono la possibilità di una sola call opzionale dopo il decimo anno alla pari, previa autorizzazione da parte dell’autorità di vigilanza. Le notes, recita una nota della banca di piazza Gae Aulenti, pagano una cedola fissa pari al 5.861% all’anno per i primi 10 anni corrisposta su base semestrale; se non richiamate dall’emittente, la cedola verrà rideterminata in base al tasso swap in dollari statunitensi a 5 anni maggiorato di un margine pari a 370.3bps. L’emissione contribuirà a rafforzare ulteriormente il Total Capital Ratio di UniCredit e a migliorare l’attuale livello di Tier 2 capital, che è già superiore al requisito minimo regolamentare. Gli strumenti rappresentano la prima emissione subordinata, a valere sul nuovo programma globale MTN da 30 miliardi di dollari, recentemente aggiornato.

I titoli sono emessi in regime di esenzione dall’obbligo di registrazione dello United States Securities Act del 1933, come some successivamente modificato, e possono essere venduti solo negli Stati Uniti ad investitori istituzionali qualificati, come definiti ai sensi della Rule 144A del Securities Act, in regime di esenzione dall’obbligo di registrazione ai sensi del Securities Act e al di fuori degli Stati Uniti ai sensi della Regulation S del Securities Act o di altre esenzioni applicabili alla registrazione.
“Grazie ad un riscontro molto positivo da parte del mercato con un orderbook sopra i 3 miliardi di dollari, e ordini da circa 200 investitori provenienti da tutto il mondo – precisa UniCredit – la price guidance inizialmente fissata è stata ridotta ad uno spread finale di 365bps rispetto al 10-year U.S. Treasury”.
Il collocamento è stato curato da BofAML, Citigroup, HSBC, JPMorgan, SG CIB e UniCredit Bank in qualità di joint bookrunners. La data di regolamento è prevista per il 19 giugno 2017.