1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

UniCapitalia: Bazoli, operazione positiva ma Generali è nostro partner

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non è vero che l’operazione di fusione fra Unicredit e Capitalia non gli sia piaciuta. Anzi “è decisamente positiva; la concorrenza, già vivace, aumenterà ulteriormente e ciò si rifletterà positivamente sulla clientela”. E’ questo il commento in un’intervista a Il Sole 24 Ore del presidente del Consiglio di Sorveglianza di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli, riguardo alla neo integrazione fra gruppi bancari. Senza non notare con preoccupazione il rischio che si formi una concentrazione senza precedenti nella storia finanziaria italiana. Per Bazoli, insomma, si deve evitare che Unicredit Group non abbia un’influenza di rilievo su Mediobanca, e di riflesso su Generali. “E’ da sempre pacificamente riconosciuto che il problema di Mediobanca consiste nell’esistenza di un conflitto di interessi con le banche azioniste – spiega Bazoli. A me pare che il problema si aggravi passando da due banche a una sola, anche se con una partecipazione dimezzata”. La compagnia triestina, invece, “da quasi 20 anni è nostro azionista. Inoltre Intesa Sanpaolo ha in essere con Generali un accordo strategico e fruttuoso di bancassurance. La nostra unica preoccupazione nei confronti di Trieste è stata sempre quella di vederne crescere dimensioni ed efficienza, difendendo così la sua indipendenza”.