1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Uni Land: Mezzini, +1800% i terreni in portafoglio dopo “colpaccio” nel Lazio

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“E’ stata un’occasione più unica che rara”. Alberto Mezzini, azionista di riferimento di Uni Land, non nasconde la soddisfazione per l’accordo portato a termine con Massimo Chiappini, ereditiere di terreni siti in provincia di Roma in precedenza appartenuti alla nobile famiglia dei Principi Borghese di Roma e stimati in oltre 11,38 mln mq. “Evento irripetibile che ha permesso di incrementare del 1800% la quantità di terreni in mano a Uni Land”, ha rimarcato Mezzini. Cosa farà ora la land banking emiliana di tutti questi terreni che spaziano dalla periferia di Roma (zona nord Est tra Nomentana e Tiburtina) fino a quasi la provincia di Rieti passando nei pressi di comuni quali Mentana, Tivoli e Palombara Sabina? “I contadini che lavorano questi terreni è ora che incomincino a pagare una quota (6,659 dei loro proventi alla proprietà, poi provvederemo a rimettere in sesto i fabbricati dissestati mentre per quelli abitati (circa 500) sarà richiesta la corresponsione di un affitto”. Il valore dell’intera area non è stato quantificato, ma fonti vicine alla società guidata da Alberto Mezzini hanno riferito di una precedente stima fatta da una primaria banca italiana, interessata ai terreni prima dell’accordo tra Mezzini e Chiappini, di 800 milioni di euro. Mentre Mezzini se l’è cavata con la cessione di titoli Uni Land per un controvalore di 17 milioni di euro, nel complesso la stima degli investimenti per tale operazione è di 20-22 milioni.