UK: Carney, potremmo incrementare gli stimoli

Inviato da Luca Fiore il Mer, 28/08/2013 - 17:36
La Banca centrale britannica potrebbe incrementare gli stimoli monetari. È quanto ha dichiarato il neo governatore della Bank of England, il canadese Mark Carney, nel corso della prima uscita ufficiale. "Se le condizioni dovessero peggiorare e la ripresa dovesse apparire inadeguata -ha detto Carney nel corso di un intervento tenuto a Nottingham- prenderemo in considerazione l'ipotesi di stimolare ulteriormente la ripresa economica".

Per quanto riguarda il costo del denaro, è stata confermata la "forward guidance" già illustrata a inizio mese: non si inizierà a discutere di un innalzamento fino a che il tasso di disoccupazione non scenderà sotto il 7%. Secondo le stime della BoE il tasso di disoccupazione non dovrebbe scendere sotto questa soglia prima del 2016, anche se, ha proseguito il governatore, i mercati si comportano come se il tasso di riferimento dovesse essere incrementato dal 2015.

La "forward guidance" in salsa britannica si distingue da quella statunitense per due aspetti fondamentali: da un lato nel caso della BoE non è stata fissata una soglia automatica e dall'altro sono state stabilite eccezioni che faranno salire prima del previsto il costo del denaro (inflazione sopra quota 2%, incremento delle aspettative sui prezzi, rischi per la stabilità finanziaria troppo elevati).

Le parole del governatore hanno spinto al rialzo il cambio tra la sterlina e il biglietto verde, passato in pochi minuti da 1,5427 a 1,5552 gbp. In questo momento il cable passa di mano sostanzialmente invariato a 1,5534. La divisa britannica guadagna invece terreno nel cambio con l'euro, in calo dello 0,34% a 0,8582 gbp, e contro lo yen, con l'incrocio gbp/jpy che avanza dello 0,7% a 151,61.
COMMENTA LA NOTIZIA