La Ue punta il dito contro i conti pubblici italiani, "sono opachi"

Inviato da Micaela Osella il Mer, 14/06/2006 - 09:05
Il processo per la formulazione della Finanziaria e il monitoraggio sulla sua realizzazione "non sono abbastanza trasparenti" da evitare buchi nei conti pubblici italiani. La Commissione europea non lesina critiche e dopo la guerra al deficit apre quella contro la sistematica di programmazione economica. Dal Dpef alla Finanziaria. Un attacco che comunque non è rivolto al governo Prodi, bensì a quello precedente. Ed è proprio la cronistoria sulla nascita dell'ultima finanziaria di Tremonti a dimostrare che "potrebbe essere utile prendere in considerazione dei metodi per aumentare l'efficienza del processo di bilancio e la responsabilità delle autorità". Nel rapporto 2006 sulle Finanze pubbliche nell'unione monetaria, presentato a Strasburgo al termine della riunione della Commissione, Almunia ha scritto che gli atti legislativi sui conti pubblici sono "opachi" e troppo "legalistici".
COMMENTA LA NOTIZIA