1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Ue: Bce “molto vigile” sulla stabilità dei prezzi, nel 2011 inflazione attesa a 2-2,6%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La Banca centrale europea guarderà con attenzione all’inflazione. “Un atteggiamento molto vigile è necessario in vista di contenere i rischi verso l’alto per la stabilità dei prezzi – si legge nel Bollettino mensile, diffuso oggi dall’istituto centrale – Nel complesso, il Consiglio direttivo resta pronto a intervenire con fermezza e tempestività per assicurare che non si concretizzino i rischi al rialzo per la stabilità dei prezzi nel medio periodo”. Il tasso di inflazione nell’Eurozona dovrebbe attestarsi nel 2011 tra il 2 e il 2,6%, mentre nel 2012 è atteso tra l’1 e il 2,4%. I rischi sull’evoluzione dei prezzi riguardano soprattutto i “rincari delle materie prime, energetiche e non, più elevati di quanto ipotizzato”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’ottava si chiude con gli indicatori di fiducia di imprese e consumatori in Italia, oltre che con i dati statunitensi su ordini di beni durevoli, crescita economica e sentiment dei consumatori. Nel dettaglio l’agenda macro:
10:00 medio ITA Fiducia…

MACRO

Regno Unito: Pil 1Q rivisto leggermente al ribasso, sotto le attese

La crescita dell’economia britannica nel primo trimestre 2017 è stata vista lievemente al ribasso nella seconda lettura pubblicata oggi.

La crescita del Pil Uk è stata rivista allo 0,2% su base trimestrale rispetto allo 0,3% della prima lettura. …

MACROECONOMIA

Italia: fatturato in leggero rialzo a marzo, ordinativi in calo

A marzo, nell’industria italiana, si rileva un incremento del fatturato dello 0,5% rispetto al mese precedente, che consolida il più ampio aumento di febbraio. Nel complesso del primo trimestre la crescita, rispetto ai tre mesi precedenti, è dello 0,…

MACROECONOMIA

Spagna: Pil I trimestre confermato a +0,8% t/t e +3% a/a

Il Prodotto interno lordo (Pil) della Spagna ha segnato nel primo trimestre dell’anno un aumento dello 0,8% rispetto al periodo precedente e del 3% su base annua, confermando la stima preliminare e le attese del mercato….