1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Ue: Bail-In è legittimo, bocciato il ricorso della Slovenia. Vendite sulle banche

QUOTAZIONI Banco Bpm
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
La Corte Europea di Giustizia ha annunciato, in una sentenza sulle banche slovene, che le regole del Bail-In sono legittime. Di conseguenza viene data ragione alla Commissione Europea che ha il potere di imporre, in caso di salvataggio bancario, perdite sia agli azionisti sia agli obbligazionisti (in primis coloro che detengono bond subordinati) dell’istituto in dissesto finanziario. Una sentenza che si è sentita subito sul comparto bancario europeo, con l’indice Stoxx Europe 600 Banks che lascia sul parterre oltre 1 punti percentuale.
Peggiore la performance delle banche italiane che, subito dopo la notizia, hanno accelerato al ribasso: Mps cede il 6% a 0,314 euro, Banco Popolare il 4,70% a 2,298 euro, Popolare di Milano il 5,30% a 0,409 euro, Intesa SanPaolo il 3,70% a 1,864 euro, Unicredit il 4,60% a 2,12 euro e Ubi Banca il 4,80% a 2,666 euro. 
La sentenza della Corte Europea è capitata in un momento molto delicato per il settore bancario, proprio mentre il governo guidato da Matteo Renzi è alle prese con i negoziati con Bruxelles sugli aiuti al settore creditizio
La causa della decisione di oggi della Corte Ue ha le sue radici nel 2013 quando partirono i ricorsi dopo la decisione di Lubiana di iniettare nel sistema bancario sloveno 3 miliardi di euro, facendo però ricadere parte delle perdite anche sugli obbligazionisti subordinati. In particolare, al salvataggio parteciparono i bondholder e gli azionisti di cinque banche slovene per circa 600 milioni di euro.