Ucraina: Russia, è un colpo di Stato. Politici europei non riconoscono la vera responsabilità

Inviato da Valeria Panigada il Mer, 19/02/2014 - 16:45
Gli scontri a Kiev e in altre città dell'Ucraina sono il risultato di atti criminali delle forze dell'opposizione radicali che sotto la copertura di slogan democratici stanno di fatto realizzando un colpo di Stato. Questa la posizione della Russia di fronte alla protesta in Ucraina, che ha fatto scattare proprio in queste ore l'intervento di Bruxelles con possibili sanzioni finanziarie al Paese. "Ci sono morti e feriti tra la popolazione civile e tra le forze dell'ordine che difendono gli interessi legittimi dell'applicazione della legge dello Stato", ricorda il ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa, Sergej Viktorovic Lavrov, che definisce la protesta "una presa del potere con la violenza". Non solo. Il ministro russo denuncia: "E' scandalosa la mancanza di risposta alle azioni dei leader dell'opposizione radicale, che sotto la copertura di slogan demagogici di impegno a favore della democrazia e dei valori europei appoggiano la rivoluzione. E noi non vediamo una risposta coerente dei politici europei e delle istituzioni che si rifiutano di riconoscere che la responsabilità delle azioni delle forze radicali in Ucraina si trova nell'opposizione", si legge nella nota diffusa oggi. La Russia chiede che "i leader (dell'opposizione) mettano fine allo spargimento di sangue nel loro Paese e riprendano senza indugio il dialogo con il potere legittimo, senza minacce o ultimatum".
COMMENTA LA NOTIZIA