Ucraina e dati macro penalizzano le borse del vecchio continente

Inviato da Luca Fiore il Mar, 15/04/2014 - 18:02
Il riaccendersi delle tensioni in Ucraina e dati macro sotto le stime zavorrano la seduta dei listini europei. Per quanto riguarda il fronte geopolitico, è di questa mattina la notizia che l'Ucraina ha iniziato un'operazione militare, definita di "anti-terrorismo", nella regione orientale di Donetsk, ai confini con la Russia.

Indicazioni sotto le stime dai dati relativi il mercato del credito cinese, l'indice Zew tedesco (43,2 punti ad aprile) e dai dati statunitensi relativi il manifatturiero dell'area di New York e l'andamento del comparto immobiliare misurato dall'indice Nahb (1,3 e 47 punti). Completa il quadro l'inflazione a stelle e strisce, salita all'1,5% a marzo (consenso +1,4%).

A Londra il Ftse100 ha terminato in calo dello 0,64% a 6.541,61 mentre Ibex e Cac40 hanno rispettivamente lasciato sul parterre lo 0,83 e lo 0,89 per cento fermandosi a 10.103,5 e a 4.345,35. La performance peggiore è stata registrata dal Dax, arretrato dell'1,77% a 9.173,71 punti.

Domani focus sui dati cinesi relativi il Prodotto interno lordo, le vendite al dettaglio e la produzione industriale.
COMMENTA LA NOTIZIA