1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Ubs, prima lettura sul merger TI-Tim

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli operatori si scaldano per il matrimonio combinato tra Telecom e Tim, non gli analisti di Ubs. Ottavio Adorisio, analista della merchant bank, non cambia idea su Telecom Italia in un report dal titolo indicativo, “Una prima lettura del merger TI-Tim” uscito oggi e raccolto da Spystocks. L’esperto della prestigiosa merchant bank resta neutral sulla firma della telefonia fissa italiana con target price invariato a 3,20 euro. Come mai questo atteggiamento conservativo? “I 14,5 miliardi di euro di debito netto utilizzati per finanziare il deal aumentano il rapporto di indebitamento di Telecom a 2,7 volte il ratio debito netto/ Ebitda. Come ci aspettavamo, l’operazione non ha creato spazio per un incremento del dividendo di TI”, risponde l’esperto. “Anzi. Ci aspettiamo che le azioni Telecom risparmio saranno sotto pressione dopo il rally della scorsa settimana. Un motivo che ci porta a consigliare di vendere azioni Telecom risparmio e di entrare nelle Telecom ordinarie”, aggiunge.