Ubs porta a Piazza Affari il primo Etf attivo che segue una strategia risk parity

Inviato da Massimiliano Volpe il Ven, 29/08/2014 - 16:15
Novità per Piazza Affari. Da martedì 2 settembre sarà quotato anche in Italia il UBS-ETF MAP Balanced 7 Ucits Etf che consente di investire contemporaneamente sulle principali asset class a livello globale: azionario, obbligazionario, materie prime, liquidità. Si tratta si tratta del primo Etf attivo a essere quotato su Borsa Italiana che per l'occasione inaugura un terzo sottosegmento dell'ETFPlus, dedicato agli Exchange Traded Funds attivi.



Le caratteristiche del nuovo prodotto. Armonizzato alla normativa europea Ucits IV, il nuovo Etf di UBS si basa su un processo di investimento che replica la strategia proprietaria Map, Multi Asset Portfolio. Grazie ad essa, l'Etf offre la possibilità di avere contemporaneamente un'esposizione, ponderata per il rischio, al mercato azionario, obbligazionario, delle commodity e - in tempi di forti oscillazioni - della liquidità con target di volatilità massima del 7%. La strategia Map, infatti, applica il principio della risk parity; di conseguenza, ogni asset class viene ponderata in misura della sua volatilità e contribuisce in modo uguale al rischio complessivo assunto dall'Etf.

"Il nostro nuovo strumento ha caratteristiche davvero innovative. L'approccio multi asset, applicato in modo sistematico attraverso un processo di investimento ben regolato e completamente trasparente, e un efficace controllo del rischio hanno portato ad avere storicamente rendimenti corretti per il rischio interessanti in condizioni di mercato molto diverse tra loro, chiarisce Simone Rosti, responsabile Italia di UBS Etf. " Ecco perché UBS-Etf MAP Balanced 7 Ucits Etf è adatto per gli investitori alla ricerca di un apprezzamento del capitale che siano disposti a tollerare un livello medio di volatilità. Il fondo non copre il rischio di cambio Dollaro/Euro".



Una gamma di strumenti alternativi beta. L'Etf multi asset rientra a pieno titolo nella gamma di strumenti alternative beta di UBS Etf, insieme a UBS Etf MSCI All Country Risk Weighted UCITS Etf (che permette di investire in oltre 2000 titoli appartenenti a 24 Paesi industrializzati e 21 Paesi Emergenti dando maggior peso a quelli che in termini di volatilità storica mostrano un grado di rischio inferiore) e UBS Etf CMCI Composite UCITS ETF, l'unico Etf sulle materie prime che prevede la copertura dal rischio di cambio USD/EUR. "Gli ETF alternative beta sono strumenti assolutamente complementari ai tradizionali Etf- conclude Simone Rosti - e rappresenteranno nei prossimi mesi uno dei filoni di ampliamento della gamma di UBS, confermando la nostra attenzione agli strumenti basati su indici innovativi".





TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA