1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Ubs perde 13 mld di euro nel 2008 e vara la svolta anti-rischio nell’investment banking

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ubs ha chiuso il quarto trimestre del 2008 con una perdita netta di competenza degli azionisti di 8,1 miliardi di franchi, che porta il passivo per l’intero esercizio a 19,697 miliardi, pari a circa 13 miliardi di euro. I risultati sono peggiori delle attese di mercato. Ubs prevede per il 2009 un’ulteriore riduzione di personale e nell’esposizione complessiva al rischio della sua divisione investment banking, unità che – ha però precisato l’istituto – rimarrà una delle attività principali di Ubs. La banca ha annunciato che entro fine anno la divisione vedrà ridurre ulteriormente il suo organico, che scenderà a 15mila unità. “Ci stiamo concentrando sulle nostre tre attività principali: l’area Investment Banking e l’ambito Equities, con la loro consolidata base clienti globale, così come le aree Fixed Income di contatto con la clientela, tra cui la nostra attività Foreign Exchange (FX) di portata mondiale”, spiega Jerker Johansson, CEO di Investment Bank. “Nel 2009 il nostro obiettivo assoluto è la redditività. In futuro, l’attività di Investment Bank sarà orientata alla clientela, saprà autofinanziarsi e sarà meno complessa da gestire”.


La banca elvetica ha chiarito che la situazione sui mercati finanziari permane delicata in considerazione del continuo deteriorarsi dei flussi di cassa disponibili per aziende e famiglie: “Le previsioni a breve termine restano caute – si legge nella nota – e Ubs persisterà nel programma di rafforzamento della propria posizione finanziaria mediante la riduzione delle esposizioni al rischio, degli attivi ponderati in funzione del rischio, degli attivi complessivi e dei costi operativi”. Ubs ha anche annunciato modifiche organizzative “per adeguarsi alle nuove condizioni di mercato e ai cambiamenti in atto nel settore”. Ubs ha quindi dato vita a due nuove divisioni operative: Wealth Management & Swiss Bank, che sarà guidata da Franco Morra e Jürg Zeltner, e Wealth Management Americas, diretta da Marten Hoekstra. L’istituto elvetico ha spiegato che la nuova struttura si focalizza sulle attività di base della banca in Svizzera, sulle ampie e solide attività di gestione patrimoniale internazionale in Svizzera e sul potenziale di crescita delle attività onshore su scala globale.

Nel quarto trimestre del 2008 Ubs ha registrato deflussi netti pari rispettivamente a 58,2 e 27,6 miliardi di franchi per le divisioni Wealth Management & Business Banking e Global Asset Management. La banca elvetica ha tuttavia sottolineato il progressivo miglioramento dell’andamento della raccolta netta nel corso del trimestre e l’afflusso positivo di nuovi fondi in gennaio per entrambe le divisioni operative. A fine 2008 il coefficiente Tier 1 è pari all’11,5%, mentre il coefficiente totale di adeguatezza patrimoniale è pari al 15,5%. La banca ha reso noto una contrazione pari al 41 delle spese per il personale negli ultimi tre mesi del 2008 e una riduzione dell’organico di 1782 unità nel quarto trimestre.