1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Ubs, Olivant manda nuova lettera a Marchionne e dice di non volere Kurer a presidenza

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo la lettera inviata il 3 aprile scorso a Sergio Marchionne, ad di Fiat ma soprattutto in questo contesto vicepresidente non esecutivo di Ubs, il fondo Olivant, che controlla la banca svizzera con una quota dello 0,7%, invia un’altra missiva. E dopo che settimana scorsa ha sollecitato la vendita di alcuni asset e l’assunzione da parte di Marchionne della guida del gruppo, in attesa che sia scelto il successore del dimissionario Marcel Ospel, il fondo guidato da Luqman Arnold, già ceo di Ubs, questa volta fa sapere di non volere che Peter Kurer prenda le redini di nuovo presidente. “Ripetiamo – si legge nella lettera – che abbiamo il più grande rispetto per Kurer come avvocato e collega, ma non crediamo abbia le qualifiche per divenire presidente del supervisory board né che sia il migliore candidato possibile che Ubs possa concedersi. Inoltre, il suo ruolo esecutivo nell’executive board del gruppo per molti anni lo rende un insider a tutti gli effetti”. Tra i criteri che Olivant propone per la valutazione del potenziale nuovo presidente ci sono quelli di una assoluta indipendenza, di una certa esperienza nel panorama bancario, di una precedente esperienza come presidente, ceo o cfo di un gruppo quotato, e di un certo numero dim abilità strategiche per guidare il riposizionamento strategico dell’istituto elvetico.