1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Ubi, un long da mettere in banca

QUOTAZIONI Ubi Banca
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Indubbiamente i titoli del comparto bancario rappresentano le gioie e i dolori degli investitori di Piazza Affari. Appena le tensioni sul fronte macro aumentano, le azioni del settore vengono vendute a piene mani. Viceversa quando anche un solo raggio di sole si affaccia all’orizzonte, i titoli allungano con decisione il passo per recuperare lo svantaggio accumulato sul campo rispetto ad altri settori nel corso del 2010. A livello operativo le azioni di Ubi sembrano all’interno di una chiara fase di accumulazione favorita dal pull back della trendline ribassista violata in questa prima parte del 2011 grazie al movimento rialzista che ne aveva favorito i corsi. La trend in questione è stata disegnata con i top decrescenti del 29 luglio e del 25 ottobre e fu oltrepassata con decisione al rialzo in occasione della seduta del 31 gennaio. A sostenere questa visione vi sono anche un altro paio di elementi grafici: da un lato la constatazione della tenuta della soglia psicologica dei 7 euro, dall’altra il mancato allungo ribassista nei giorni scorsi che sarebbe stato favorito dalla presenza di un doppio massimo dopo la chiusura sotto i supporti statici di breve di 7,28 euro. Partendo da questi presupposti è dunque possibile entrare in acquisto a 7,18 euro, ossia oltre i massimi intraday della seduta di ieri. Con stop al cedimento di 6,90 euro, i target individuati sono dapprima a 7,78 euro e successivamente a 8 euro.