Ubi Banca: utili in deciso aumento e oltre le attese nei nove mesi

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 12/11/2014 - 09:39
Quotazione: B.P.UNITE

Piazza Affari non apprezza i conti migliori delle attese pubblicati questa mattina da Ubi Banca. Il gruppo bancario ha archiviato i primi nove mesi dell'anno con un utile netto consolidato a 149,8 milioni di euro, in significativa crescita (+47%) rispetto ai 101,9 milioni dell'analogo periodo del 2013. L'utile consolidato al netto delle poste non ricorrenti si è attestato a 175,5 milioni di euro, più che raddoppiato rispetto ai 74,3 milioni dei primi nove mesi del 2013. Nel solo terzo trimestre l'utile netto è stato di 43,6 milioni, superiore alle previsioni degli analisti interpellati da Bloomberg ferme a 33 milioni.

In aumento del 2,9% i proventi operativi a 2.557,6 milioni di euro, del 6,6% il margine d'interesse a 1.376,3 milioni e del 2,3% le commissioni nette a 908,2 milioni. Il gruppo conferma la solida patrimonializzazione con un Common Equity Tier 1 ratio "phased in" al 30 settembre 2014 al 13% dal 12,73% di giugno 2014. Il Total capital ratio "phased in" è stato pari al 18,09% dal 18,03% di giugno 2014.

Nei nove mesi il passaggio di crediti in bonis a crediti deteriorati è diminuito del 37,2% rispetto a un anno fa, supportando l'aspettativa di un costo del credito più contenuto per i prossimi anni. Nei primi nove mesi dell'anno, i crediti deteriorati netti risultano in via di sostanziale stabilizzazione (+136 milioni, mentre crescevano di 1,064 miliardi nei primi nove mesi del 2013), riflettendo la minor crescita dei crediti deteriorati lordi (+415,4 milioni mentre crescevano di 1,408 miliardi nei primi nove mesi del 2013) e l'incremento delle coperture di 130 punti base rispetto a dicembre 2013. Nel periodo gennaio-settembre le rettifiche di valore nette per deterioramento crediti sono salite a 626,2 milioni, contro i 576,6 milioni dell'analogo periodo del 2013.

Al 30 settembre 2014 l'esposizione del gruppo verso la Bce consiste in un ammontare totale di 12 miliardi di euro di Ltro (invariati rispetto a giugno 2014). Ubi Banca stima di aderire al Tltro con circa 3 miliardi a dicembre 2014. Il titolo sul Ftse Mib arretra dello 0,71% a 5,52 euro.

COMMENTA LA NOTIZIA