Ubi Banca: utile semestrale in calo del 36,6%, Core Tier 1 Eba al 9,24%

Inviato da Flavia Scarano il Mar, 28/08/2012 - 09:20
Quotazione: UBI BANCA

Partenza con il botto per Ubi Banca a Piazza Affari dopo l'uscita dei conti semestrali. Il gruppo bancario ha archiviato il primo semestre con un utile netto in calo del 36,6% a 159,5 milioni di euro rispetto ai 251,7 dello stesso periodo dell'anno scorso a seguito, si legge in una nota, della riduzione delle poste straordinarie registrate nel periodo, scese a 39 milioni nel primo semestre del 2012 rispetto ai 181,7 dell'analogo periodo del 2011. In crescita del 72,1% l'utile netto normalizzato a 120,5 milioni dai 70 milioni dello primo semestre di un anno fa. Il risultato della gestione operativa è salito a 653,8 milioni, in salita del 33,3%, grazie al significativo progresso dei proventi operativi, in crescita del 5,2% a 1.794,6 milioni e al contenimento degli oneri operativi, che confermano un calo del 6,2% a 1.140,8 milioni. Il margine d'interesse (inclusivo di PPA) si è attestato a 1.025,6 milioni di euro, in contenuta flessione dell'1,5% rispetto ai 1.041,1 milioni registrati nel primo semestre 2011. Al 30 giugno 2012, a seguito dei nuovi investimenti in titoli di stato italiani effettuati nella prima parte dell'anno (6 miliardi nel primo trimestre 2012 e 3,6 nel secondo) le attività finanziarie di Ubi Banca rappresentano il 16% del totale attivo e totalizzano 21,4 miliardi, di cui 17,9 miliardi in titoli di stato italiani. Sempre nell'ambito del portafoglio, non vi è alcuna esposizione a titoli di stato di Paesi "a rischio".

Dal punto di vista patrimoniale, l'istituto di credito al 30 giugno 2012 ha riportato un Core Tier 1 al 10,24%, un Tier 1 al 10,75% e un Total Capital Ratio al 15,01%. Il Core Tier 1 calcolato in base all'esercizio Eba (includendo la valutazione al fair value del rischio sovrano al 30 settembre 2011) si attesta al 9,24% rispetto ad un requisito minimo del 9%. Alla data del 22 agosto scorso, gli attivi stanziabili presso la Bce sono pari a 23,6 miliardi (il 17,6% del totale attivo del Gruppo) già al netto di haircut, di cui 11,6 disponibili per far fronte ad ulteriori esigenze di liquidità. L'esposizione totale verso la Bce è di 12 miliardi di Ltro, invariata rispetto a fine febbraio 2012. Nel primo semestre dell'anno si è assistito ad una ripresa degli utili delle partecipazioni valutate al patrimonio netto, saliti a 25,8 milioni al 30 giugno 2012 dai 9,6 del giugno 2011 grazie al buon andamento operativo registrato nel periodo dalle società assicurative.

"L'alta volatilità dei mercati e la rilevanza che avranno decisioni istituzionali a livello internazionale nei prossimi giorni, rendono particolarmente difficile qualunque valutazione fatta oggi sull'andamento del secondo semestre", si legge in una nota di Ubi Banca a commento dei risultati semestrali. "Il Gruppo continuerà comunque ad attivarsi con ogni leva a sua disposizione per sfruttare il vantaggio acquisito rispetto all'utile normalizzato del 2011".

Il titolo sul Ftse Mib indossa la maglia rosa segnando un rialzo dell'1,71% a quota 2,62 euro.

COMMENTA LA NOTIZIA
silviotzr scrive...
AlFaTommy scrive...
diegoturbo scrive...