1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Trump pronto a blindare FCA. Ma occhio a grafico break-up di Goldman Sachs

QUOTAZIONI Fiat Chrysler AutomobilesCnh IndustrialFerrari

Ecco di quanto è superiore l’equity value delle divisioni, rispetto alla capitalizzazione complessiva di Fiat Chrysler

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Una qualsiasi eventuale acquisizione di FCA da parte di un qualsiasi produttore di auto cinese dovrà prima di tutto superare un importante test: quello del Committee on Foreign Investment in the United States, che opera sotto il controllo del dipartimento del Tesoro. E che in ogni momento può decidere di bocciare o frenare un eventuale accordo: soprattutto se si tratta, come in questo caso, di Fiat Chrysler e/o dei suoi brand made in Usa. E soprattutto se l’amministrazione è quella dell’America First di Donald Trump pronto, secondo le indiscrezioni, a scendere in campo per difendere il marchio Jeep da ogni potenziale aggressore.

Se poi l’aggressore è cinese, Trump è pronto ad affilare le armi. Lo può fare proprio attraverso questa Commissione che, come ricorda Automotive News, “è responsabile della supervisione di accordi che incidono sul controllo di aziende e brand americani, anche se la società controllante è estera, come nel caso di Fiat Chrysler Automobiles”.

La revisione può durare un mese o più, e per gli accordi che implicano alleanze con partner cinesi può richiedere tempi anche maggiori.

Automotive News scrive che una revisione di tal genere “non è un ostacolo facile da superare”, e allo stesso tempo aggiunge che almeno un produttore cinese di auto è pronto a presentare una proposta sugli asset di FCA alla Commissione. Finora, il panel ha bloccato solo due accordi.

E mentre il titolo continua a essere ostaggio dei rumor – la pioggia di buy è scattata, oltre che per l’interesse della cinese Great Wall Motors, anche per le indiscrezioni su una possibile strategia che punterebbe allo spin off di Maserati, Alfa Romeo, Magneti Marelli – il Wall Street Journal ha fatto notare nel fine settimana che “Sergio Marchionne si sta affannando a definire un piano di sopravvivenza per il produttore di auto che vale meno della somma delle sue parti“.

In particolare è Goldman Sachs che stima che “l’equity value” delle divisioni di Fiat Chrysler, che includono per l’appunto Maserati, è superiore di tre volte rispetto all’attuale capitalizzazione di mercato, che si aggira attorno a $22 miliardi. Il grafico dice tutto.
Nelle ultime ore si sono diffusi inoltre nuovi rumor di M&A su una fusione con la sudcoreana Hyundai-Kia.

A prescindere da quello che sarà il futuro di FCA, sicuramente il rally ha fatto bene  agli azionisti del gruppo.

A tal proposito Il Sole 24 Ore oggi fa il punto della situazione del “tesoro privato” dell’AD Sergio Marchionne che, oltre a essere il numero uno di Fiat Chrysler, è anche socio privato con un pacchetto azionario di 14,6 milioni. Che ora vale 181 milioni di euro.

Ma Marchionne, continua l’articolo, non si è limitato certo a puntare solo su FCA e detiene pacchetti azionari di tutto rispetto anche in Cnh Industrial e Ferrari.

Pacchetti il cui valore è salito al punto da portare il tesoro privato del ceo a valere mezzo miliardo di euro.