1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Tronchetti si dice pronto al dialogo su Telecom

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Disponibilità al dialogo nell’interesse di tutto il Paese. È questa l’idea portata avanti dal Presidente della Bicocca, Marco Tronchetti Provera, reduce da un anno non certo facile. Dopo l’assemblea fiume di Telecom Italia, lo scorso 16 aprile, è stata la volta, ieri, di quella degli azionisti Pirelli (presenti 51 azionisti in rappresentanza, in proprio o per delega, di 229 soci titolari del 55,03% del capitale ordinario del gruppo) durante la quale sono stati confermati Alberto Bombassei e nominato Luigi Roth nel consiglio di amministrazione.
Ma è stata soprattutto l’occasione per sentire Tronchetti che si è mostrato aperto al dialogo verso il mondo politico e con le istituzioni ma a un’unica condizione: che non si parli dell’affare Telecom.


Non solo l’approvazione dei conti, ma più di cinque ore di dibattito per affronatare i temi caldi del momento per il gruppo e cercaredi fare il punto della situazione. “Non esistono a oggi progetti in merito. È quindi inutile commentare progetti che non esistono”. Pochi giri di parole per Tronchetti Provera che va diritto al problema durante l’adunata dei soci, rispondendo così a coloro che volevano delle delucidazioni circa la svalutazione della quota Olimpia (che ha abbattuto il valore delle azioni del primo operatore telefonico del Belpaese a 3 euro) che ha prodotto la perdita pari a quasi 2 miliardi, condizionando pesantemente il bilancio 2006 della società.
“Come è già stato detto”, ha sottolineato il numero uno del gruppo milanese “ogni operazione sarà fatta nell’interesse di tutti i soci: non considereremmo mai progetti che non mettessero tutti gli azionisti nelle stesse condizioni”. Una volta completata la cessione della quota di Olimpia, la mossa successiva per Pirelli potrebbe anche essere quella di utilizzare quanto ricavato per il reinvestimento nel settore dei pneumatici: in quest’ottica, non è, infatti, da escludere il riacquisto della minoranza di Pirelli Tyre, (38,9%), oggi nelle mani delle banche.

Per quanto riguarda Telecom Tronchetti è stato ancora una volta chiaro: non ha intenzione di tornare suoi passi. Pirelli “non ha discusso la possibilità di rimanere in Telecom, anche se i tempi di questa uscita non sono serrati e l’operazione non sarà chiusa a qualunque prezzo”.

Commenti dei Lettori
News Correlate

Pirelli: Marco Polo al 96% del capitale dopo riapertura termini

Dopo la riapertura dei termini dell’Offerta, Marco Polo Holding deterrà 456.563.142 azioni ordinarie Pirelli, pari al 95,969% del capitale sociale. Durante la riapertura dei termini dell’offerta sono state portate in adesione 42.748.690 azioni ordinarie Pirelli, pari all’8,986% del capitale sociale. Il controvalore complessivo della riapertura è pari a 641.230.350 euro.

Pirelli: Malacalza aderisce all’Opa, superato il 55% del capitale

Nell’ambito dell’Opa su Pirelli lanciata da Marco Polo Industrial Holding, Malacalza Investimenti ha conferito il suo 6,98%. Con questo conferimento l’offerente ha superato il 55% del capitale (condizione che fa scattare la fusione con Pirelli).

Pirelli: Equita taglia il giudizio e consiglia di aderire all’Opa

Equita taglia il giudizio a reduce su Pirelli e consiglia di aderire all’Opa anche alla luce della sovraperformance rispetto al mercato italiano favorita proprio dall’Opa. “Pur restando dell’idea che i benefici dello spin-off della divisione consumer e della fusione di quella industrial con Aeolus permettano di ottenere valutazioni superiori al prezzo dell’Opa, non intendiamo correre […]

Pirelli: John Paulson esce dall’azionariato (Consob)

John Paulson ha ridotto a zero la partecipazione nel gruppo Pirelli. Lo ha reso noto la Consob nel bollettino quotidiano sulle partecipazioni rilevanti. La quota, pari al 6,046%, era stata dichiarata in Consob lo scorso 15 maggio, dopo il superamento della quota del 5%, limite stabilito dalla regolamentazione per i fondi d’investimento. Pirelli è attualmente […]