Trichet si scopre ottimista e stringe sui tassi

Inviato da Redazione il Mar, 09/01/2007 - 08:39
"Dopo un 2006 molto positivo, anche quest'anno la crescita globale dovrebbe attestarsi sullo stesso livello, forse un pò più debole, ma non di molto". Con queste parole Jean-Claude Trichet, governatore della Banca centrale europea, ha descritto la situazione del mercato attuale e futura al termine del vertice bimestrale del G10, il club dei banchieri centrali dei 10 paesi più industrializzati, cui ha partecipato anche il presidente della Federal Reserve, Ben Bernake. Nel 2007 la crescita mondiale dovrebbe confermare la sua forza per il quinto anno consecutivo, con un ritmo vicino al 5% registrato nel 2006. A far da traino saranno le economie emergenti d'Asia, con Cina e India a farla da padrone ed a compensare il rallentamento del mercato americano. Anche l'Europa contribuirà a rendere positivo il 2007, i segnali di ripresa del vecchio continente dovrebbero trovare infatti piena conferma. L'unica nota negativa sarebbe rappresentata dalle tensioni inflazionistiche che sembrano riaccendersi. I mercati continuano a dare per imminente una nuova stretta sui tassi di Eurolandia e ieri lo stesso Trichet, pur ritenendo "adeguato" l'attuale livello, ha nuovamente ribadito che non bisogna "abbassare la guardia".
COMMENTA LA NOTIZIA