Trichet: livelli straordinari di incertezza, esaminata ipotesi taglio tassi

Inviato da Marco Barlassina il Gio, 02/10/2008 - 15:49
"E' simile al discorso fatto nel 2001 prima del taglio dei tassi", e ancora "è l'inizio di una svolta verso l'allentamento". Sono questi i primi commenti raccolti da Finanza.com sul discorso del presidente della Bce, Jean-Claude Trichet da poco conclusosi e che ha fatto seguito all'annuncio con cui la Bce ha lasciato invariati al 4,25% i tassi d'interesse nell'Eurozona.
 
Commenti che trovano giustificazione nelle dichiarazioni salienti di Trichet: l'incertezza è straordinariamente alta, le turbolenze finanziarie sono aumentate e l'economia di Eurolandia si sta indebolendo. Ammessi quindi i forti rischi al ribasso per la crescita con i quali gli stati europei sono già alle prese almeno da un trimestre. Tanto che per la prima volta Trichet ha detto che all'interno del comitato di politica monetaria è stata presa in considerazione l'ipotesi di un taglio del costo del denaro.

In alletamento invece i rischi e le aspettative di inflazione, da un lato per l'ormai conclamato calo dei prezzi delle materie prime e dall'altro, ha fatto notare Trichet per la debolezza dei consumi. Uno scenario quindi da principio di deflazione, che non ha impedito però al numero uno di Eurotower di ribadire che verrà garantita la stabilità dei prezzi.

COMMENTA LA NOTIZIA