Trasporto aereo: Iata, per caro greggio perdite 2005 di 7,4 mld di dollari

Inviato da Redazione il Mar, 13/09/2005 - 09:56
La tenaglia del petrolio si stringe sul comparto delle compagnie aeree. Tanto che alla luce di un prezzo del petrolio ormai alle stelle, lo IATA, l'International Air Transport Association, ha rivisto le previsioni sull'andamento economico del trasporto aereo, indicando per il settore perdite complessive di 7,4 miliardi di dollari per l'intero 2005. Le nuove previsioni sono basate su un prezzo medio del petrolio a 57 dollari al barile, spiegano gli esperti dello IATA. A maggio l'organizzazione mondiale delle compagnie aeree aveva diffuso previsioni che indicavano una perdita complessiva di 6 miliardi di dollari, calcolata su un prezzo medio del petrolio a 47 dollari al barile. "Ancora una volta per colpa del prezzo del petrolio le compagnie non potranno tornare a fare profitti. Ogni dollaro in più al barile del prezzo del greggio comporta per l'intero comparto un aumento dei costi di 1 miliardo di dollari. Per queste ragioni la riduzione dei costi e l'aumento dell'efficienza non sono mai stati fondamentali per le compagnie aeree come in questo momento", afferma Giovanni Bisignani, direttore generale e amministratore delegato di IATA.
COMMENTA LA NOTIZIA