Tra S&P su Usa e crisi debito sovrano anche titoli di Stato vivono una seduta nervosa -3

Inviato da Micaela Osella il Lun, 18/04/2011 - 16:27
Secondo Antonino De Gaetani, gestore obbligazionario di Bnp Paribas Investment Partners, la picconata dell'agenzia di rating amplifica il movimento. "Il mercato obbligazionario era salito molto ed una correzione era da mettere in conto. Di fatto - segnala l'esperto del reddito fisso - dopo la decisione dell'agenzia di rating gli investitori guarderanno con attenzione agli sviluppi dei piani del Congresso americano, mentre in Europa continueremo a seguire le vicende legate alla crisi del debito sovrano. Sarà interessante a questo proposito - prosegue Gaetani - guardare cosa succederà. Ritengo, infatti, plausibile ipotizzare una ristrutturazione del debito greco non nel breve, ma nel 2012 quando scadrà il piano di aiuti". Per l'Italia il rischio contagio non è dietro l'angolo secondo l'esperto. Eppure in mattinata lo spread Btp/Bund si è allargato fino a 155 punti base, con un incremento di 10 punti base rispetto a venerdì. "Il mercato dei titoli di Stato italiano non dovrebbe creare situazioni problematiche: sconta giù la ristrutturazione della Grecia e gli aiuti in Portogallo", conclude il gestore obbligazionario di Bnp Paribas Investment Partners.
COMMENTA LA NOTIZIA