1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Toyota si conferma regina dell’auto nel 2013, verso quota 10 milioni di auto

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Toyota Motor sale sul tetto del mondo e si conferma per il secondo anno consecutivo il maggiore costruttore

di auto. Nel 2013 il colosso giapponese delle quattro ruote ha infatti
venduto 9,98 milioni di auto, sorpassando gli americani di General Motors e i
tedeschi di Volkswagen Group
. Le vendite complessive di Toyota, che tengono in
considerazione tutti i marchi del gruppo (Toyota, Daihatsu, Hino), hanno
segnato una crescita di circa il 2% rispetto al 2012.

 

Grazie a questi numeri Toyota ha messo la freccia e nel 2013
ha superato nuovamente General Motors che ha totalizzato 9,71 milioni e
Volkswagen Group in terza posizione con 9,7 milioni di auto vendute nel mondo.
Toyota era salita per la prima volta sul gradino più alto del podio nel 2008 e
vi era rimasta anche nel biennio successivo. Nel 2011 era poi scivolata al
terzo posto a causa all’impatto del disastro di Fukushima che aveva avuto delle
inevitabili e forti riprecussioni sulla produzione del Paese, compresa quella
di auto.

 

Nonostante l’agguerrita concorrenza Toyota non ha intenzione
di cedere la sua leadership. E le prospettive per l’anno da poco iniziato sono
ancora all’insegna dell’ottimismo: il big dell’auto nipponico punta a
oltrepassare la soglia dei 10 milioni, fino ad arrivare a vendite mondiali pari
a 10,32 milioni (+4%) e a una produzione di 10,43 milioni di unità (+3%).

 

Fiat Group alla prova dei conti il 29 gennaio

Con questo nuovo record in tasca il big nipponico delle auto
si presenta all’appuntamento con i conti trimestrali fissato per il prossimo 4
febbraio. Intanto in Italia cresce l’attesa per i risultati finanziari di Fiat Group che
verranno comunicati al mercato il prossimo 29 gennaio. Prima dei numeri
ufficiali il Lingotto ha pubblicato il consensus di 32 analisti che coprono il
titolo sul proprio sito. L’utile netto di Fiat Group nel quarto trimestre è
stimato a 400 milioni di euro
, a 1.070 milioni nell’intero 2013, a 1.405
milioni nel 2014 e a 1.835 milioni nel 2015. Il trading profit del gruppo
dovrebbe attestarsi a 1.145 milioni negli ultimi tre mesi dell’anno scorso, a
3.605 milioni nel 2013, a 4.150 milioni nel 2014 e a 4.755 milioni nel 2015.
L‘indebitamento industriale netto è infine atteso nel quarto trimestre e nel
2013 a 7.575 milioni, a 11.250 milioni nel 2014 e a 11.270 milioni nel 2015
.