1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Tornano gli acquisti sui listini europei, Volkswagen positiva dopo l’accordo con le autorità Usa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il rimbalzo del comparto bancario permette ai listini europei di riportarsi in territorio positivo dopo il selloff innescato dall’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea.

A Londra il Ftse100 ha terminato in rialzo del 2,64% a 6.140,39 punti, Parigi ha segnato un +2,61% a 4.088,85 e Madrid si è fermata a 7.835 punti, il 2,48% in più rispetto al dato precedente. Di poco sotto i due punti percentuali il Dax, cresciuto dell’1,93% a 9.447,28.

Il day-after il taglio della tripla A al Regno Unito da parte di Fitch e Standard & Poor’s, il tema della Brexit è al centro del Consiglio europeo straordinario di Bruxelles. Per Barclays, l’esito del referendum l’anno prossimo farà piombare il Paese in recessione.

Più cauta Standard & Poor’s che per bocca di Jean-Michel Six, capo-economista per l’EMEA, stima una crescita dello 0,9%, 1,2 punti percentuali in meno rispetto alla view precedente. “Non prevediamo una recessione […] perché ci attendiamo una forte risposta monetaria, con un altro QE e un nuovo taglio dei tassi”, ha detto Six nel corso di una conference call dedicata agli effetti del referendum.

A livello di singole performance spicca il +1,65% di Volkswagen nel giorno dell’accordo da 14,7 miliardi siglato con le autorità statunitensi.

Nella seconda parte indicazioni migliori del previsto sono arrivate dai dati statunitensi su crescita economica (+1,1%) e fiducia dei consumatori (98 punti). Sostanzialmente in linea con le stime i prezzi delle abitazioni (+5,4%) e sotto le stime l’indice che misura l’andamento del comparto manifatturiero elaborato dalla Federal Reserve Bank di Richmond (-7 punti).