Tonfo di Aem, lo stallo nell’affaire Edison fa lo sgambetto al titolo

QUOTAZIONI A2a
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Tonfo di Aem sul listino. Il titolo della ex municipalizzata milanese accusa un ribasso del 4,05%, scambiando a quota 1,6120 euro. A dare scacco matto all’azione l’affaire Edison. Aem è della partita: è in gara con un’offerta non vincolante per il 40% di Italenergia Bis, la holding che controlla Foro Bonaparte, in joint venture con Enia, il raggruppamento tra le tre municipalizzate ex newco-Emilia. Secondo le ultime indiscrezioni il gruppo capitanato da Aem avrebbe messo sul piatto una cifra invitante tra 1,5 e 1,7 miliardi di euro, equivalenti a 1,62-1,78 euro Edison post warrant. Se Aem riuscisse a farsi largo nel dossier Edison i risvolti sarebbero positivi a detta degli analisti di Centrosim, che in una nota recente e raccolta da Spystocks hanno alzato il target price del titolo a 2,2 euro confermando la raccomandazione buy. “L’acquisizione di una quota di controllo in Italenergia Bis genererebbe valore netto grazie alle sinergie operative e finanziarie”, scrive l’analista che ha firmato lo studio. “In particolare se l’entrata avvenisse a valori fair su Edison, che noi stimiamo in 1,66 euro, questo implicherebbe un esborso di circa 980 milioni di euro per il 30% della holding e Aem sostanzialmente raddoppierebbe il gearing rettificato”.