Tnk-Bp, due banche si ritirano dal prestito

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Due delle banche europee impegnate nel prestito da 600 milioni di dollari alla compagnia petrolifera anglo-russa Tnk-Bp si sono ritirate dall’accordo per il crescente timore che la campagna del Cremlino contro Yukos possa portare ad un deterioramento dei diritti di proprietà nel paese. A seguito dell’abbandono da parte di Ing e Société Générale il prestito, inizialmente previsto intorno ai 600 milioni di dollari potrebbe essere ridotto a 400-500 milioni.