Titoli turismo: analisti, "Sentiment potrebbe rimanere incrinato nel breve"

Inviato da Micaela Osella il Gio, 10/08/2006 - 11:30
Lo sventato attentato all'aeroporto di Londra di questa mattina ha riportato d'attualità sui mercati i titoli del turismo. Sulle maggiori piazze del Vecchio Continente non c'è oggi tour operator quotato che si salvi dalla lettera. Una reazione giudicata emotiva dalla maggior parte degli analisti interpellati da Finanza.com, anche se alcuni sono dell'idea che il sentiment sul comparto potrebbe restare incrinato per un po'. "Ogni volta ad agosto succede qualcosa", dice un analista di una primaria casa d'affari, ricordando che l'anno passato a luglio era stata la volta dell'attentato nella City a Londra, ad agosto in Egitto. "Questo è un periodo che viene preso di mira vuoi perché si abbassa il livello di attenzione vuoi perché viaggia più gente", gli fa eco un altro esperto, che sottolinea: "Soprattutto è la stagione in cui le società del turismo riescono ad aggiudicarsi il 40% dei ricavi e il 100% dei margini". Secondo gli esperti non c'è pericolo di vedere un impatto sui conti, "perché chi ha prenotato ha pagato. In generale - continua - le società del turismo soffrono per altre ragioni come il caro petrolio e la gestione finanziaria". Tutto a posto quindi? L'impatto potrebbe vedersi più in là: a settembre o ottobre, concludono gli analisti, specificando che potrebbero risentirne le destinazioni a lungo raggio.
COMMENTA LA NOTIZIA