1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Titoli minerari in territorio misto a Londra, male Vedanta e Xstrata

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora una giornata non buona per il comparto delle risorse di base a Londra nonostante il tentativo di ripresa odierno dei prezzi delle commodities. Tra i titoli che riescono oggi a strappare il segno più spiccano Bhp Billiton e Antofagasta entrambe in rialzo di circa mezzo punto percentuale. Segno meno per Rio Tinto (-0,63%). Fanno peggio Xstrata (-3,18%) e Vedanta (-2,12%). Quest’ultima rischia di vedersi abbassato il rating sul credito da parte di Moody’s. L’agenzia di rating teme che il nuovo piano d’investimenti annunciato ieri sia troppo oneroso per il gruppo.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: prezzi a 1.261 dollari, focus sulle minute di domani

Sostanziale parità al Comex per il future con consegna giugno sull’oro che passa di mano a 1.261,5 dollari l’oncia (+2% nelle ultime cinque sedute). “Ancora una volta, l’oro si trova a riprendere fiato”, ha rilevato Ole Hanson, n.1 per le commodity d…

COMMODITY

Oro: tensioni politiche spingono i prezzi ai massimi da fine aprile

Rialzo di mezzo punto percentuale per il future con consegna giugno sull’oro, in aumento a 1.259,9 dollari l’oncia. I prezzi, sui massimi da tre settimane, capitalizzano la crescita della volatilità sulle piazze finanziarie e le tensioni in arrivo da…

COMMODITY

Petrolio: Brent si spinge sopra quota 54 dollari il barile

Quarta giornata consecutiva con il segno più per le quotazioni del greggio, in rialzo dello 0,82% a 54,05 dollari il barile. Nelle ultime cinque sedute il derivato è salito del 4,3% in attesa che l’Opec, l’Organizzazione che raggruppa i Paesi esporta…

COMMODITY

Petrolio: miglior settimana da inizio anno in attesa dell’Opec

Alla terza seduta consecutiva con il segno più, il Brent porta il saldo settimanale al +5,55%, il dato maggiore da inizio anno. Nuovo segno più all’ICE per il future con consegna luglio sul greggio, in aumento del 2,15% a 53,64 dollari il barile.