1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Titoli bancari: buone opportunità di investimento per chi è alla ricerca di prezzi scontati

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

“I titoli bancari hanno un peso significativo a Piazza Affari e rappresentano circa un terzo del FTSE Mib, ma il settore è così volatile che può offrire anche buone opportunità per chi è alla ricerca di prezzi scontati”. A guardare con favore il comparto bancario italiano è Lemanik, realtà con sede a Lugano e operante nei settori dell’asset management e del private banking e wealth management.

In generale è sempre meglio rivolgersi ai grandi gruppi, istituti che hanno le spalle più grosse per sopportare la congiuntura e i capricci dei mercati. I gestori di Lemanik, infatti, ritengono che “a questi prezzi (1,2 euro circa), il titolo di Intesa San Paolo è estremamente interessante. La banca, da un punto di vista patrimoniale, è tra le più capitalizzate e con leva minore in Europa: secondo i criteri di Basilea 3, possiede  un “Core capital” già oggi al 10,7% e che secondo le stime potrebbe superare l’11% tra meno di 12 mesi.

“Da un punto di vista di dividendi, Intesa distribuirà agli azionisti risparmio un dividendo minimo di 6 centesimi ad azione (5,7% di rendimento) nel 2014 (a valere sui risultati 2013), mentre dal 2014 in poi, la banca dovrebbe aumentare in maniera sostanziale il proprio payout ratio andando a distribuire fino a 10 centesimi ad azione”, sostengono con i numeri la loro preferenza verso l’istituto guidato da Enrico Cucchiani gli esperti della società.

Per Lemanik, anche il titolo Unicredit può vantare prezzi molto attraenti (3,6 euro circa): da un punto di vista patrimoniale, in un’ottica Basilea 3, la banca possiede un Core Capital a circa il 9.6%. “Tale livello di capitalizzazione è tra i più alti nel panorama europeo e dovrebbe superare il 10% entro i prossimi 12 mesi”.

E tra le banche di medie dimensioni? In questo caso a riscuotere il favore è il Credem. “Nonostante il contest macroeconomico difficile, Credem è riuscito a tenere il ‘costo del credito’ estremamente sotto controllo, continuando ad avere una redditività estremamente interessante”, dichiarano gli esperti di Lemanik. Da un punto di vista di capitale, la banca è già oltre l’11% di Common Equity Capital secondo le regole di Basilea 3. Il titolo tratta a circa 10 volte gli utili con un dividend yield superior al 3.5% che si prevede in notevole crescita per gli esercizi futuri.
Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Wall Street: avvio positivo, focus su Fed e Trump

Wall Street si muove in rialzo per la quarta seduta consecutiva, senza mostrare particolari scossoni dopo l’esplosione all’Arena di Manchester ieri sera, che ha provocato la morte di una ventina di persone. A pochi minuti dal suono della campanella, …

COMMODITY

Oro: prezzi a 1.261 dollari, focus sulle minute di domani

Sostanziale parità al Comex per il future con consegna giugno sull’oro che passa di mano a 1.261,5 dollari l’oncia (+2% nelle ultime cinque sedute). “Ancora una volta, l’oro si trova a riprendere fiato”, ha rilevato Ole Hanson, n.1 per le commodity d…

Spread Btp-Bund in area 170 punti base, rendimento al 2,10%

Lo spread tra il Btp a dieci anni e il Bund tedesco si attesta in area 170 punti base, in frazionale rialzo rispetto ai 169 punti base dei primi scambi di seduta. Il rendimento del bond decennale italiano sul mercato secondario è pari al 2,10%, mentr…