1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Tiscali vola in borsa tra “valutazioni” del mercato e attese per il piano

QUOTAZIONI Tiscali
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Seduta da incorniciare per Tiscali, che ha chiuso le contrattazioni sospesa per eccesso di rialzo (+10,54%) a quota 2,57 euro. Rimarchevoli anche i volumi, pari a 16 milioni di titoli per un controvalore di circa 40 milioni di euro. Secondo il mercato Tiscali avrebbe beneficiato delle voci di un’offerta sulle attività britanniche di Aol da parte della francese Orange, che avrebbe offerto 650 milioni di sterline per chiudere l’affare. Una valutazione che il mercato ha riportato subito sulla società sarda, che ha nella controllata inglese il suo maggiore, e più redditizio, asset. Che è apparso sottovalutato rispetto agli attuali prezzi di borsa. Da qui l’importante balzo odierno, che ha riportato il titolo sopra la soglia psicologica di 2,5 euro. Ma non solo movimenti di mercato per l’Isp sardo: dopo i ritardi di giugno, la prima quindicina di luglio potrebbe essere il periodo buono per la presentazione del piano industriale, molto atteso dal mercato dopo l’arrivo al timone di Tommaso Pompei. Dalla società bocche cucite in merito. Il piano sarebbe però in via di finalizzazione, anche se mancherebbero alcuni tasselli per il suo perfezionamento, ed uno di questi potrebbe essere la cessione della controllata tedesca, considerata non più strategica. In sottofondo anche le voci circa un take over da parte di qualche altro gestore, desideroso di mettere le mani sul pacchetto di utenti Adsl di Tiscali, che potrebbe essere vicino ai 2 milioni di unità in tutti i paesi di presenza. Wind dell’egiziano Naguib Sawiris si è spesso detta interessata alla società, ma ci sarebbe da risolvere il nodo Pompei, uscito dal terzo gestore mobile italiano dopo la cessione da parte di Enel. Da non sottovalutare anche i vantaggi fiscali accumulati grazie alle perdite degli scorsi anni e che sono stati utilizzati, per la prima volta, proprio nel bilancio 2005.