Tiscali si sintonizza sui canali televisivi

Inviato da Daniela La Cava il Mar, 11/12/2007 - 16:26

Anche Tiscali si lancia nel mondo del video on demand. L'Isp di Cagliari ha annunciato l'arrivo in Italia di Tiscali Tv (in Gran Bretagna è stata presentata a settembre), la televisione che viaggia su rete Ip (internet protocol), e arriva direttamente sul televisore di casa. Il servizio, che combina l'ip e il digitale terrestre, sarà in un primo momento disponibile nelle città di Cagliari, Milano e Roma e gratuito fino al 31 marzo, successivamente sarà esteso anche ad altre aree cittadine lungo lo Stivale.

Dopo le esperienze di Fastweb e di Telecom con Alice Home Tv in Italia, anche Tiscali si fa tentare dai servizi televisivi di ultima generazione, che ribaltano il concetto stesso di televisione. Adesso, è l'utente che definisce il palinsesto secondo i propri desideri e le proprie necessità. E per questa nuova avventura Tiscali combina l'innovazione e la semplicità. È questa la combinazione, che caratterizza ancora una volta i prodotti e i servizi di una delle principali tlc indipendenti a livello europeo. Caratteristiche sufficienti per rispondere alle diverse esigenze della clientela e per offrire agli spettatori la loro programmazione preferita, senza nessun tipo di vincolo di orario o di scelta.

Ma come funziona? Grazie alla funzionalità di Time Shifting, la programmazione dei principali canali generalisti è a disposizione dei telespettatori per un arco temporale di due giorni. Questo significa che non si rischierà più di perdere il programma preferito e non si dovrà più fare la corsa per registrarlo, come accadeva in passato. Passare da un programma in diretta a uno registrato è semplice: la guida elettronica ai programmi, integra in un'interfaccia singola entrambe le possibilità. Inoltre, il telespettatore avrà anche la possibilità di scegliere il film che preferisce oppure creare un palinsesto personalizzato.

Nel giorno del lancio di Tiscali Tv il gruppo sardo non brilla a Piazza Affari. Il titolo della società fondata da Renato Soru cede l'1,03%, scambiando a 2,1525 euro per azione.

COMMENTA LA NOTIZIA