Tiscali cerca di risollevarsi, colpa di un pacchetto transitato fuori mercato?

Inviato da Redazione il Mar, 11/01/2005 - 12:58
Quotazione: TISCALI
Tiscali cerca di risollevarsi, dopo aver mangiato la polvere dell'S&P. Il titolo dell'Isp sardo, dopo essere scivolato bruscamente a metà mattinata fino a toccare un minimo a 2,33 euro, ora scambia a quota 2,4950 in ribasso del 7,01%. Come mai questo tracollo improvviso dell'azione? Secondo fonti di mercato interpellate da Spystocks a dare lo schiaffo a Tiscali sarebbe stato un pacchetto pari a 580mila pezzi transitato fuori mercato ad un prezzo più basso rispetto ai prezzi di mercato. La Borsa contattata telefonicamente conferma che ieri effettivamente è avvenuto il decantato passaggio fuori mercato del pacchetto di azioni Tiscali ad un prezzo pari a 2,6885 euro. Dunque: caccia aperta alla mano che ha mosso. "Oggi gli hedge funds hanno approfittato della situazione che si era creata e hanno fatto incetta di ordini di vendita. Tiscali è un titolo che si presta alla speculazione. Il mercato è sempre sul chi va là, temendo l'ennesimo aumento di capitale", dice un trader. Ma guardando il grafico di Tiscali la performance odierna dell'azione non è un punto interrogativo, almeno stando a quanto dicono gli analisti tecnici. Patrizia Rosso di Cfs Economics spiega a Spystocks che "questa correzione di Tiscali è giusta ed era da aspettarsela. L'azione ha aperto oggi in gap down. Nonostante il calo repentino il titolo sta comunque reagendo". L'esperta avverte: "Tiscali è inserita in un canale ribassista con parete superiore passante tra 2,80-2,83 euro. L'azione si è portata oggi a quotare a 2,33 euro, che coincide con il livello di passaggio della parete inferiore. Ora è importante che Tiscali non violi i 2,33 euro perché si proietterebbe a 2,26 euro e successivamente a 2,2050, minimo di agosto 2004". Ma anche se l'azione andasse tanto giù, Patrizia Rosso, aggiunge che "Tiscali potrebbe trovare la forza per ripartire". Una mano a reagire potrebbe arrivare dalla vendita della filiale d'Oltralpe di Tiscali. Voci di stampa estere recentemente sono tornate ad insinuare una prossima messa in vendita del gioiellino transalpino di casa Tiscali perché i pretendenti alla reggia di Rudolf Derk Huisman, l'ad dell'Isp sardo, ultimamente si sarebbero moltiplicati. La lista è lunga. Si spazia da Neuf Telecom a France Télécom, da Deutsche Telekom a Cegetel, da Iliad a Tele2 per finire con il nome di Telecom Italia. Di fronte a tanti interessati Tiscali è venuta allo scoperto, confermando che effettivamente manifestazioni di interesse ci sono state. Dunque: tra peripezie borsistiche e una serrata campagna saldi iniziata mesi fa la vendita di Tiscali France potrebbe davvero risolvere parecchi problemi.
COMMENTA LA NOTIZIA