1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Tiscali: analisti, incertezza sul piano accende la speculazione

QUOTAZIONI Tiscali
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Impazza il toto-Tiscali sul mercato. Secondo Euromobiliare la divisione inglese dell’Isp sardo vale 486 euro per abbonato con break up value pari a 3,1 euro per azione. Sulla base delle voci che vorrebbero la francese Orange disposta a sborsare 650 milioni di sterline per Aol-Uk, concorrente della società di Renato Soru, questi valori schizzerebbero invece ad una cifra compresa tra i 700 e 715 euro per abbonato con break up value pari a 3,8 euro per azione. Queste sono le valutazioni di alcuni esperti interpellati da Finanza.com. Dall’altra parte l’attenzione su Tiscali da ieri è davvero alta. Complice la speculazione. Secondo gli analisti l’interesse attorno alla società potrebbe essere stimolato dal mistero in cui è stato avvolto il piano industriale, la cui presentazione è stata rimandata più volte a partire da aprile, e potrebbe arrivare entro fine luglio. “Tutto dipende dalle intenzioni dell’azionista di controllo”, dice un analista di una primaria banca d’affari che preferisce mantenere l’anonimato, secondo cui sono possibili due scenari. “Soru potrebbe essere interessato a riequilibrare la situazione finanziaria del gruppo”, continua l’esperto, precisando che “se fosse così, la vendita dell’asset più prestigioso, quello inglese, garantirebbe risorse sufficienti per azzerare il debito e per consolidare il presidio in Italia, magari trovando accordi con Eutelia”. In questa scenario l’esperto vede spazio per un rialzo del titolo grazie alla situazione finanziaria più stabile e addirittura per una cessione completa del gruppo. Questa ipotesi è però anche un po’ “estrema”, riconosce l’analista che spiega ancora: “potrebbe non essere troppo convincente per l’attaccamento di Soru alla Sardegna e a quello che rappresenta la sua azienda per la sua regione”. Se invece nel piano industriale non fossero previste operazioni straordinarie, secondo l’esperto potrebbe configurarsi comunque la cessione di asset meno pregiati, come quello tedesco e olandese, con un impatto positivo sull’equilibrio finanziario di Tiscali, anche se di entità meno significativa. E il titolo in Borsa? “A questo punto potrebbero placarsi le speculazioni, ma Tiscali rimarrebbe con i soliti problemi di sempre ossia flussi di cassa negativi e squilibri finanziari”, conclude l’esperto.