TIM: utile 2016 a 1,8 miliardi di euro. Al via nuova società per Banda Ultralarga

QUOTAZIONI Telecom Italia
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Telecom Italia (TIM) ha chiuso il 2016 con ricavi dell’esercizio per 19.025 milioni di euro, in calo del 3,5% (-694 milioni di euro) rispetto a 2015 (19.719 milioni), e un utile netto di 1,8 miliardi, in crescita di circa 1,9 miliardi rispetto alla chiusura del 2015 (-70 milioni).

L’indebitamento finanziario netto rettificato ammonta a 25.119 milioni, in diminuzione di 2.159 milioni rispetto al 31 dicembre 2015 (27.278 milioni). Il Cda proporrà la distribuzione di un dividendo alle azioni di risparmio di 2,75 centesimi.

Il Cda di TIM ha approvato il progetto per la creazione di una società dedicata esclusivamente allo sviluppo selettivo di nuove infrastrutture in fibra in aree inserite nella classificazione dei cluster C e D (cosiddette ‘aree bianche’ o rurali) in base alle norme UE.

Il progetto prevede la costituzione di una società partecipata, la cui maggioranza sarà detenuta da un socio finanziario, che permetterà a TIM di raggiungere i propri obiettivi di copertura del Paese con Banda Ultralarga “con quasi 2 anni di anticipo rispetto alla tempistica prevista dal piano triennale”.