Tim e Telecom si accodano al mercato

Inviato da Redazione il Ven, 27/08/2004 - 12:32
Quotazione: TELECOM ITALIA
Cambia il vento a Piazza Affari. E anche le firme della telefonia italiana fanno retromarcia. Telecom ripiega in calo dello 0,41% a quota 2,46 euro. La segue a distanza ravvicinata Tim, in ribasso dello 0,23% a quota 4,48 euro. E'davvero durato un battito d'ali il recupero delle tlc nostrane andato in onda le scorse sedute? "Soprattutto Tim sta cercando di tornare con forza sull'indice Mib30. Nell'ultima settimana l'azione si è trovata a quotare in una fascia tra i 4,35-4,40 euro. Se il titolo riesce a mantenere questa impostazione il primo target è posto a 4,55 euro, il secondo a 4,70 euro", commenta Fabio Ciuffa, gestore di Banca Iccrea. "Le quotazioni delle società tlc italiane hanno infatti sofferto nell'ultimo periodo. E così ora gli investitori hanno iniziato a riconoscergli il giusto valore, che gli spetta. E' presto per dire se ci sarà una ripresa vera e propria perché il mercato è incerto. Ad ogni modo i temi difensivi hanno corso molto e dovranno prendere un po' di respiro. Sui settori volatili gli investitori non si posizionano perché lasciano ancora aperti troppi dubbi. Tim e Telecom hanno quindi buone carte dalla loro perché sono aziende con caratteristiche stabili", dice l'esperto, aggiungendo: "le due società stanno cercando nuove occasioni di business. Entrambe stanno cercando di infoltire i servizi". E in effetti è di oggi la notizia che la spagnola Telefonica Moviles e Portugal Telecom hanno annunciato attraverso la joint venture Brasilcel quattro offerte volontarie per un totale di 508 milioni di dollari su quattro succursali brasiliane. E Tim? il Brasile è il primo mercato estero della società di telefonia mobile italiana.
COMMENTA LA NOTIZIA