Tim: sotto 4,55 euro si conferma debole (Banca Sella)

Inviato da Redazione il Gio, 11/03/2004 - 11:42
Secondo l'analisi tecnica di Banca Sella quotazioni di Tim che stazionassero sotto 4,55 euro manterrebbero il tono debole e la violazione di 4,50/51 euro farebbe proseguire la discesa a 4,44/45. Sopra 4,55 euro si avrebbe invece un nuovo test di 4,58, con improbabili estensioni a 4,61 euro. Estendendo il periodo di osservazione l'analisi afferma che "il movimento rialzista avviato a ottobre 2003, ha portato le quotazioni oltre la trendline ribassista che conteneva le quotazioni dai massimi di dicembre 2001, ponendo termine alla debolezza che aveva caratterizzato l'andamento del titolo nei mesi precedenti". Tuttavia nel corso delle ultime settimane il titolo si è portato sopra 4,50 euro, fino a testare ripetutamente la resistenza statica a 4,72/73 euro dove ha prevalso la lettera. La persistenza delle quotazioni sotto la soglia di 4,65 euro manterrà il tono debole e, la violazione del supporto statico a 4,50 euro, farebbe proseguire la discesa verso i sostegni statici posti a 4,40 euro, quindi 4,25/30 euro, area intorno alla quale dovrebbero tornare gli acquisti. L'ipotesi ribassista, invece, si allontanerebbe sopra 4,65 euro, ma un segnale di ripresa della tendenza rialzista si avrebbe solo con il superamento di 4,72/73 euro, con primo obiettivo i massimi di novembre 2002 a 5,00/10 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA