Tesoro: bene l'asta Ctz, assegnati tutti i 2,5 miliardi di titoli a due anni. Scesi i rendimenti

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 25/09/2013 - 11:54

Il Tesoro fa il pieno nella prima delle tre aste di fine mese. Via XX settembre ha assegnato titoli Ctz a due anni per 2,5 miliardi di euro, al massimo della forchetta prevista. Il rendimento di assegnazione si è attestato all'1,623%, in calo rispetto all'1,871% registrato nell'asta di fine agosto e raggiungendo i minimi dalla fine di maggio. In aumento la domanda che è stata di 1,77 volte l'importo offerto contro 1,46 dell'asta precedente. Assegnati anche tutti i 750 milioni di Btpei, Btp indicizzati all'inflazione, con scadenza al 2021. Il rendimento è stato pari al 2,62%, con bid-to-cover 1,77.

Domani sarà la volta dei Bot semestrali per 8,5 miliardi di euro ma l'appuntamento chiave sarà venerdì quanto il Tesoro offrirà  Buoni del tesoro poliennali a 5 e 10 anni per 2,5-3 miliardi di euro. Nel quarto trimestre saranno emessi nuovi Ctz 2015 per almeno 9 miliardi di euro mentre negli ultimi tre mesi dell'anno saranno offerte ulteriori tranche di Btp 2016 al 2,75%, Btp 2018 al 3,50%, Btp 2024 al 4,50% e CctEu 2018.

"Non ci possiamo lamentare". Così Maria Cannata, responsabile del Tesoro per le gestione del debito, ha commentato ieri la discesa del costo medio delle emissioni al 2,08% nei primi otto mesi dell'anno. "Gli investitori stranieri sono tornati" ha detto il funzionario nel corso di un intervento in occasione dei 25 anni del Mercato elettronico dei titoli di Stato (Mts). Per quanto riguarda il fondo di ammortamento del Tesoro, stimato in 5-5,5 miliardi di euro, "saranno utilizzati per riacquisti o rimborsi a scadenza grazie a cui emettere meno". È infine probabile che a novembre sarà riproposta un'emissione di Btp Italia, visto che "la faremo entro fine anno e potete immaginare che il mese non sarà dicembre".



TAG:
COMMENTA LA NOTIZIA