1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

TerniEnergia: cda convoca assemblea straordinaria per proporre aumento capitale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Consiglio di Amministrazione di TerniEnergia Spa, presieduto da Stefano Neri, riunitosi venerdì scorso, ha deliberato di convocare l’Assemblea Straordinaria degli Azionisti in data 10 novembre 2008, per proporre ai soci un’operazione di aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione ai sensi dell’articolo 2441, quarto comma, secondo periodo, del Codice Civile, previa introduzione nello Statuto Sociale della relativa clausola. La proposta – si legge sulla nota – prevede che le azioni di nuova emissione, fino a un massimo del 10% del capitale sociale, possono essere offerte nell’ambito di un collocamento privato a investitori istituzionali italiani ed esteri e a investitori industriali entro il 31 marzo 2009. L’operazione si propone l’allargamento della compagine azionaria di TerniEnergia Spa, per consentire alla società di fruire di un canale ulteriore di finanziamento per la crescita e gli investimenti, in linea di continuità con il processo di espansione già iniziato con la quotazione del titolo sul Mercato Expandi, avvenuta lo scorso 25 luglio e coronata dal successo nonostante le avverse condizioni dei mercati finanziari, che perdurano tuttora. In occasione della quotazione, che prevedeva esclusivamente un collocamento istituzionale, sono state collocate numero 4.300.000 azioni ordinarie, pari al 17,9% del capitale sociale, al prezzo di 1,30 euro cadauna, per un controvalore di 5.590.000 euro, ricorda sempre la società nella nota. Dal 25 luglio ad oggi, il titolo è attestato sostanzialmente in un range tra 1,6 e 1,8 euro. Quanto al criterio utilizzato per la determinazione del prezzo di emissione delle azioni, il Consiglio ha ritenuto congruo che il prezzo di emissione delle Azioni in collocamento sia pari almeno alla media del prezzo ufficiale ponderata per i volumi del titolo TerniEnergia, come rilevati sul mercato Expandi di Borsa Italiana S.p.A. dalla data di quotazione alla data di offerta delle Azioni in collocamento, con un prezzo minimo fissato in 1,6 euro per azione. Con l’aumento proposto la Società potrà accrescere e consolidare la propria posizione di primario operatore nella realizzazione di impianti fotovoltaici di taglia industriale, anche attraverso acquisizioni di altre società operanti nel settore o l’ingresso in mercati esteri. Inoltre, la società potrà sostenere lo sviluppo delle joint venture SolarEnergy Srl e EnergiaAlternativa Srl, la prima con EDF e la seconda con il Gruppo Cogne Acciai Speciali, per la produzione di energia elettrica da fotovoltaico.