Terna: possibile taglio 60% investimenti in scia a regole Autorità, maglia nera sul Ftse Mib -1

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Terna indossa la maglia nera a Piazza Affari dove il titolo arretra del 5,49% a quota 2,512. Il secondo documento di consultazione dell’Autorità per l’Energia in materia di tariffe elettriche potrebbe portare il management della società ad un taglio degli investimenti del 60%. A pesare, da una parte, il mancato riconoscimento in tariffa della Robin Tax, in quanto l’aumento dell’allowed return dal 6,8% al 7,2% (con un’attesa al 6,9%) è dovuto al negativo scenario macro; dall’altra il peggioramento dello schema di incentivi sugli investimenti di sviluppo, con una riduzione media dell’extra-ritorno di oltre 100 punti base. Il dividendo atteso per il 2012 è stato confermato a 19 centesimi, ma dal 2013 l’obiettivo della società sarà coprire i capex e i dividendi attraverso i flussi di cassa, non essendoci le condizioni per aumentare il leverage. Terna comunque presenterà le proprie osservazioni entro il 19 dicembre.