Terna, Fondazioni premono per rinegoziare il prezzo

Inviato da Redazione il Mer, 24/08/2005 - 08:41
Le Fondazioni non ci stanno all'aut aut posto dall'Antitrust alla Cassa depositi e prestiti (Cdp) di dismettere entro i prossimi 4 anni il 10,3% della quota detenuta in Enel. Si punta alla rinegoziazione del prezzo d'acquisto del 29,9% di Terna oppure si potrebbe anche arrivare ad impugnare tale decisione davanti al Tar del Lazio. Secondo le Fondazioni il verdetto del 7 agosto avrebbe mutato il contesto in cui è avvenuta l'operazione e settimana prossima dovrebbe aver luogo una riunione del comitato di controllo di Cdp per discutere il da farsi in vista del cda del 5 settembre.
COMMENTA LA NOTIZIA