Tensioni Ucraina frenano Piazza Affari, Mediaset corre su sviluppi per nuovi soci pay-tv

Inviato da Titta Ferraro il Ven, 25/04/2014 - 10:31
Quotazione: SAIPEM
Quotazione: SAIPEM RISP CV
Quotazione: MEDIASET
L'escalation della crisi in Ucraina pesa oggi sull'andamento delle borse europee che non si accodano alla salita della vigilia di Wall Street in scia alla buona tornata di trimestrali Usa. La Russia ha avviato nuove manovre militari nei pressi del confine ucraino con le truppe ucraine filo-russe che chiedono l'intervento di Putin. 

Piazza Affari non beneficia della sponda arrivata da Fitch che ieri sera ha migliorato l'outlook sull'Italia da negativo a stabile prendendo atto che la profonda e prolungata recessione è finita nel secondo trimestre del 2013 malgrado ci sia un potenziale di crescita debole rispetto agli altri partner dell'Eurozona.

A Milano l'indice Ftse Mib a metà mattinata cede lo 0,8% a quota 21.645 punti. Poco mosso lo spread Btp/Bund in area 161 punti base, mentre il rendimento del decennale italiano si mantiene al 3,12%, poco sopra i minimi storici toccati settimana scorsa al 3,07%. 

Brillano Mediaset e Saipem 
Tra le blue chips italiane spicca il rally di Mediaset che sale di oltre il 2% a quota 3,85 euro in scia alle nuove indiscrezioni circa l'avvio di trattative con Al Jazeera e Canal Plus (gruppo Vivendi) per l'ingresso in Mediaset Premium. Secondo quanto riportato dal Sole 24 Ore ieri è stato firmato un memorandum of understanding per l'ingresso dei nuovi soci. La due diligence con arabi e francesi dovrebbe avere il via il 10 maggio con le due società che avranno accesso ai conti della divisione pay-tv del gruppo del Biscione. 
In merito a tali indiscrezioni ieri sera Mediaset ha precisato che "non è stata conclusa nessuna operazione con alcun partner in relazione al progetto di sviluppo delle attività pay tv del Gruppo a livello internazionale". "Gli approfondimenti relativi al progetto - continua la nota - sono ancora in corso e saranno esaminati dai board di Mediaset e di Mediaset España nel corso delle prossime riunioni".

Tra i migliori anche Saipem che sale dell'1,5% dopo che ieri ha diffuso i conti del primo trimestre 2014 che vedono un utile netto in contrazione del 44,5% a 61 milioni euro e nuovi ordini per 3,949 miliardi. Confermata la guidance per l'intero anno.

COMMENTA LA NOTIZIA