1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Tensioni geopolitiche spingono il comparto oil, vendite sui giganti dei cieli

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Con le tensioni in arrivo dall’Iraq che spingono il greggio ai massimi da nove mesi, seduta positiva sui listini del vecchio continente per i colossi del comparto oil. Poco prima della chiusura delle contrattazioni, ad Amsterdam Shell sale di un punto percentuale, a Parigi Total guadagna l’1,11% e Gdf Suez l’1,45% e sul listino milanese Eni avanza del 2,15%.

Andamento opposto per il comparto aereo visto che oltre a incrementare il prezzo dei carburanti le tensioni geopolitiche riducono il traffico. La tedesca Lufthansa arretra del 3,9%, Air France-Klm lascia sul campo il 3,6% e Ryanair evidenzia un -3%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

WALL STREET

Borse Usa partono deboli, l’outlook spinge Big Lots

Dopo aver aggiornato i massimi storici, Wall Street parte debole in vista del weekend lungo a causa del Memorial Day (lunedì prossimo mercati chiusi). Nei primi scambi il Dow Jones segna un rosso dello 0,07% mentre S&P500 e Nasdaq scendono entrambi d…

MERCATI

Banche e oil continuano a penalizzare le borse europee

Rosso di mezzo punto percentuale per l’indice Stoxx 600, penalizzato dalle vendite che stanno colpendo il comparto bancario (-1,31% per l’indice di riferimento), gli energetici (-1,16%) e l’automotive (-0,99%).

All’indomani del meeting dell’Opec …