1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Tengono meglio del previsto le economie di Francia e Germania

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Segnali di tenuta delle due principali economie dell’eurozona nel secondo trimestre dell’anno. In attesa dei dati aggregati dell’intera area che saranno diffusi alle 11.00 dall’Eurostat, la Francia è riuscita anche nello scorso trimestre a schivare il passaggio in negativo della crescita, mentre la Germania ha evidenziato una crescita migliore delle attese con la tenuta di esportazioni e consumi.

Economia Germania cresce al ritmo dello 0,3% t/t nel secondo trimestre
Rallenta pertanto meno del previsto la congiuntura tedesca. La rilevazione del Pil evidenzia un +0,3% su base trimestrale, oltre le attese che erano per un +0,2% ma in calo rispetto al trimestre precedente quando il Pil era cresciuto dello 0,5%. La crescita tendenziale risulta invece dello 0,5% contro il precedente 1,7% e in questo caso meno delle attese che erano di +0,9%. L’Ufficio di Statistica tedesco ha rimarcato come lo scorso trimestre abbiano tenuto i consumi e l’export con un contributo positivo alla crescita, mentre sono scesi gli investimenti.
“I numeri di oggi sono sicuramente una buona notizia – commenta a caldo Carsten Brzeski di Ing – tuttavia, nonostante l’invulnerabilità apparente dell’economia tedesca, un ulteriore rallentamento sonnecchia sotto la superficie dei numeri forti odierni”.

Pil Francia piatto per il terzo trimestre consecutivo
E’ rimasto invariato per il terzo trimestre consecutivo il prodotto interno lordo francese, meglio delle attese che erano per un calo dello 0,1%. Anno su anno il dato del Pil ha messo a segno un +0,3%, come nel trimestre precedente e contro le attese che volevano un rallentamento a +0,2%. I dati diffusi dall’Insee, che ha rivisto a zero da +0,1% il dato relativo al quarto trimestre 2011, evidenziano una contrazione dello 0,2% dei consumi, mentre gli investimenti risultano in progresso dello 0,7%. Il ministro dell’Economia, Pierre Moscovici, ha commentato i dati odierni sottolineando come “non sono eccellenti, ma la Francia sta riuscendo a evitare la recessione”.
Per il trimestre in corso le stime della Banque de France circa l’andamento dell’economia transalpina sono improntate alla prudenza con la previsione di un calo dello 0,1% t/t. L’istituto centrale francese nel Monthly business survey diffuso settimana scorsa ha rimarcato come a luglio l’attività industriale ha registrato un leggera contrazione dovuta principalmente a minori livelli di attività nei settori automobilistico e tessile. Il tasso di utilizzazione degli impianti è rimasto di sotto della sua media di lungo periodo.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ECONOMIA

Francia: fiducia consumatori balza a 108 punti a giugno

Netto incremento della fiducia dei consumatori francesi. A giugno, in corrispondenza con le elezioni che hanno dato la maggioranza assoluta del parlamento al partito del presidente Emmanuel Macron, l’indice sulla fiducia è schizzato a 108 punti dai 1…

MACRO

Germania: -1% m/m per prezzi importazioni a maggio

In Germania l’indice dei prezzi alle importazioni ha mostrato una flessione dell’1% su base mensile, in peggioramento rispetto al precedente -0,1% (stime Bloomberg a -0,6%). Su base annua il dato ha mostrato una crescita del 4,1%, in rallentamento ri…

MACROECONOMIA

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede alle 11 l’inflazione preliminare dell’Italia che, dopo il -0,2% mensile di aprile, è vista in aumento dello 0,1%. Dagli Stati Uniti arriveranno i numeri su bilancia merci, compromessi immobiliari e scorte di petrolio. N…

MACROECONOMIA

Stati Uniti: fiducia consumatori giugno sale a sorpresa

Migliora la fiducia dei consumatori americani. Secondo la lettura di giugno, l’indice di fiducia dei consumatori negli Stati Uniti si è attestato a 118,9 punti, in aumento dai 117,6 punti di maggio (dato rivisto al ribasso dai precedenti 117,9 punti)…

ECONOMIA

Stati Uniti: +5,7% a/a per l’S&P/Case-Shiller, peggio delle attese

Ad aprile l’indice S&P/Case-Shiller, che misura l’andamento dei prezzi immobiliari nelle 20 principali città degli Stati Uniti, ha registrato un +5,7% annuo dal +5,9% del mese precedente. Il dato è sotto le attese degli analisti che erano a +5,9%….