Tenaris, un nuovo attacco ai 16 euro potrebbe essere in vista

QUOTAZIONI Tenaris
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Avvio di giornata caratterizzata dal segno più per Tenaris. Il titolo offre un quadro grafico molto interessante sia di breve che di medio/lungo termine. Le quotazioni hanno infatti violato al rialzo martedì la soglia di resistenza dinamica di breve individuata dalla trendline ribassista che unisce i top del 12 e 25 gennaio. Tale indicazione positiva si inserisce in un contesto di medio/lungo periodo che ha visto il titolo apprezzarsi da inizio ottobre a oggi. Il trend positivo identificato dalla linea di tendenza rialzista passante per i minimi del 4 ottobre e del 25 novembre ha permesso al titolo di superare importanti resistenze sia statiche che dinamiche. Il riferimento è prima alla violazione di area 14,30 euro avvenuta il 2 gennaio. Nella seduta successiva, le quotazioni hanno poi rotto al rialzo anche la resistenza dinamica di lungo periodo individuata dalla trendline tracciata con i massimi del 4 gennaio e del 27 luglio dell’anno passato. A rafforzare l’importanza di tali indicazioni vi è la constatazione che le quotazioni hanno completato il pull back sul livello chiave a 14,30 euro nella seduta del 7 febbraio. Alla luce delle considerazioni effettuate, chi volesse sfruttare tali segnali può posizionare i propri ordini di acquisto in area 15 euro. Con stop che scatterebbe sotto i 14,25 euro, il primo target è individuabile in area 15,80 e il secondo a 16,90 euro.