1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

TeleMedia: i risvolti della cessione di Buffetti per Akros

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La cessione di Buffetti potrebbe far brillare gli occhi agli azionisti di TeleMedia. A sostenerlo sono gli esperti di Banca Akros nella nota uscita oggi e raccolta da Finanza.com. L’operazione “rappresenta il completamento del piano di razionalizzazione del portafoglio partecipazioni ed era da tempo attesa considerando la mancanza di sinergie con il business televisivo”, spiegano gli analisti. Secondo i calcoli di Akros la valorizzazione è stata in linea con le aspettative del mercato ed esprime un multiplo di 7,4 volte l’Ebitda del 2004. La parte interessante arriva adesso. “I proventi dell’operazione potrebbero essere destinati ad ulteriori investimenti nel digitale terrestre in aggiunta ai 250 milioni già programmati, di cui la metà utilizzati per l’acquisizione di Elefante TV, o essere ridistribuiti agli azionisti in aggiunta al dividendo straordinario di 550 milioni pari a 17,4 centesimi per azione promesso per la prima metà del 2006”, sostengono.

Commenti dei Lettori
News Correlate

TI Media: si riduce perdita nel primo semestre

Telecom Italia Media ha chiuso i primi sei mesi dell’esercizio 2015 con ricavi per 42,4 milioni di euro (+11,8 milioni rispetto al primo semestre 2014) e un risultato netto negativo per 0,9 milioni (-5,2 milioni nel pari periodo 2014). Scende l’indebitamento finanziario netto, pari a 251,9 milioni di euro (269,4 milioni a fine 2014).

TI Media: perdita in calo nel primo trimestre

Telecom Italia Media ha annunciato di aver chiuso il trimestre al 31 marzo con un risultato netto negativo per 0,7 milioni di euro, in riduzione rispetto ai -2,6 milioni registrati nel primo trimestre 2014. In aumento il fatturato, salito da 15,5 a 20,9 milioni di euro e l’Ebitda, passato da 3,1 a 8,8 milioni. A […]

Telecom Italia Media: giù di quasi il 2% a Piazza Affari

Telecom Italia Media in ribasso nei primi scambi a Piazza Affari, all’indomani del via libera alla fusione per incorporazione nella controllante Telecom Italia. Il titolo a Milano cede l’1,81% a 1,03 euro. Oggi in una nota Borsa Italiana ha comunicato che il titolo è stato riammesso alle contrattazioni.