1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Telecom: Miceli (Slc-Cgil) tuona: “Azionisti ricchi cannibalizzano l’azienda”

QUOTAZIONI Telecom Italia
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non solo il mercato bacchetta Telecom, anche Emilio Miceli segretario generale Slc-Cgil tuona contro il business plan 2007-2009 presentato dalla società telefonica. Secondo Miceli il consiglio di amministrazione di Telecom dell’8 marzo “é stato un’occasione mancata perché si sono voluti confermare gli alti dividendi dello scorso anno a deterioramento degli investimenti”. Il motivo? Il segretario generale Slc-Cgil punta il dito contro la logica condotta dal gruppo, che “è sempre la stessa: azionisti ricchi che cannibalizzano un’azienda che potrebbe reggere molto meglio la sfida competitiva”. E non solo. A suo avviso infatti “la delusione deriva anche dal fatto che non sia stata presa alcuna decisione sulla nuova Rete scaricando tutto al confronto con l’Authority delle Comunicazioni. Quando si riconferma il volume degli investimenti degli anni precedenti significa che, al di là delle parole, l’azienda è ferma nella sua capacità decisionale. Così vince la logica della conservazione, del congelamento, e questo è un dato preoccupante”. E non è finita perché secondo Miceli anche le basi dell’incontro in agenda il prossimo 22 marzo con le organizzazioni sindacali nascono sotto una cattiva stella. “Si presenta in questo modo molto complesso, soprattutto se verrà confermata la decisione, così come ha dichiarato il dottor Buora, di procedere verso ulteriori dismissioni in Italia ed all’estero per un miliardo di euro”. “La logica sembra essere sempre la stessa”, ribadisce Miceli, “nessun sacrificio per gli azionisti e taglio dei costi. A questa logica noi non ci stiamo”