1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Telecom Italia: voci di cordata in arrivo per Tim Brasil, sale il titolo a Piazza Affari

QUOTAZIONI Telecom Italia
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le voci di una cordata in arrivo per Tim Brasil fanno scattare gli acquisti sul titolo Telecom Italia a Piazza Affari, che mostra un rialzo di circa 2,5 punti percentuali a 0,945 euro dopo essersi spinto fino a 0,977 euro. L’agenzia Bloomberg ha riportato del piano di Oi, Telefonica e America Movil che sarebbero pronte a mettere sul piatto 15 miliardi di dollari (12 miliardi di euro) per rilevare Tim Brasil. Un’offerta di 12 miliardi di euro porterebbe nelle casse di Telecom circa 8 miliardi di euro e valorizzerebbe la controllata carioca 6,8 volte l’Ebitda.
 

La cessione favorirebbe senza dubbio il processo di riduzione del debito dell’ex monopolista delle telecomunicazioni. “Con una simile operazione Telecom Italia ridurrebbe il rapporto debito/Ebitda di circa 0,5x e nel 2016 sarebbe di circa 2x, cioè in linea con i competitor europei nei confronti ei quali tratta a sconto anche per il maggior indebitamento”, spiegano gli analisti di Equita. Secondo gli analisti, una valorizzazione della quota in Tim Brasil a 8 miliardi di euro, porterebbe la valutazione del titolo Telecom a 1,15 euro.

Nonostante questi vantaggi, però, gli esperti di Equita pensano che Telecom Italia non sia disposta a considerare valutazioni di questo livello. “L’ipotesi di un’offerta congiunta dei tre operatori è complessa da un punto di vista regolatorio ed inoltre prematura in quanto ci potrebbe volere un paio di mesi prima che Oi possa chiudere con successo la cessione delle attività portoghesi“, commenta il broker.

Nei prossimi due mesi sicuramente la speculazione la farà da padrone, ma gli analisti difficilmente si aspettano qualcosa di concreto sul fronte M&A. “Completato il deal Oi-Altice, se Telecom Italia non avrà ricevuto offerte di almeno il 20% superiori a quelle indicate da Bloomberg, potrebbe essere la stessa Telecom a promuoversi come consolidatore in Brasile“, concludono gli esperti.