1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Telecom Italia: utile oltre le attese a 807 mln nel III trimestre, scende l’indebitamento

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Riscontri migliori delle attese per Telecom Italia. Il gruppo tlc guidato da Franco Bernabè ha archiviato il terzo trimestre del 2011 con un utile netto di 807 milioni di euro, in aumento del 32,7% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente. Battute le stime di consensus che erano ferme a 708,5 mln. Crescita a doppia cifra anche per i ricavi consolidati, pari a 7.516 milioni di euro nel trimestre, con un incremento di 840 milioni di euro (+12,6%) rispetto al terzo trimestre 2010. In termini organici il miglioramento è pari al 3,7%. Il consensus Bloomberg era fermo a 7,46 mld. I ricavi nei primi nove mesi del 2011 ammontano a 22.059 milioni di euro, con un incremento del 10,9% rispetto ai 19.899 milioni di euro dei primi nove mesi del 2010. In termini di variazione organica la crescita dei ricavi consolidati è stata dell’1,9%.
L’ebitda consolidato del gruppo tlc nel trimestre è stato pari a 3.198 milioni di euro, in aumento di 456 milioni di euro (+16,6%). In termini organici l’incremento è pari allo 0,8%. L’ebitda margin organico si attesta al 42,7%, in calo di 1,3 punti percentuali rispetto al 44% dello stesso periodo del 2010. Calo della marginalità riconducibile al maggior peso del business in Sud America, la cui marginalità è inferiore rispetto al business domestico. Considerando i primi 9 mesi dell’anno l’ebitda è pari a 9.175 milioni di euro e aumenta, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, di 700 milioni di euro (+8,3%), con un’incidenza sui ricavi del 41,6% (42,6% nei primi nove mesi del 2010).
 
Scende l’indebitamento, confermato obiettivi
In calo l’indebitamento finanziario netto rettificato sceso a 29.948 milioni di euro rispetto ai 31.119 milioni di euro al 30 giugno 2011. L’indebitamento finanziario netto contabile è pari a 30.250 milioni di euro, diminuito di 1.837 milioni di euro rispetto al 31 dicembre 2010 (32.087 milioni di euro) e di 1.255 milioni di euro rispetto al 30 giugno 2011 (31.505 milioni di euro).
Per l’intero 2011 confermata la stima di ricavi ed ebitda organici sostanzialmente stabili rispetto al 2010. “Ricavi ed ebitda sono stati sostanzialmente in linea con le attese – commentano gli analisti di Intermonte – mentre sono migliori a livello di utile e generazione di cassa”.
Il CdA di Telecom Italia ha inoltre approvato il progetto di costituire una società con il Gruppo F2i, che ne deterrebbe una partecipazione di maggioranza, per la realizzazione dei cablaggi in fibra ottica all’interno degli edifici della città di Milano.
Trimestrale deludente invece per Telefonica
Primo trimestre in perdita degli ultimi 9 anni per Telefonica. La prima compagnia telefonica europea per capitalizzazione ha chiuso il terzo trimestre con una perdita netta di 429 mln rispetto alle attese di un rosso di 213 mln. Nell’analogo trimestre del 2010 il gruppo iberico aveva riportato un utile netto pari a 5,1 mld. I ricavi sono invece salito del 3,7% a 15,79 mld, poco sopra le stime di consensus (15,73 mld).