1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Telecom Italia, Morgan Stanley taglia il target a 2,70 euro

QUOTAZIONI Telecom Italia
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giungono notizie non troppo incoraggianti per Telecom Italia. Infatti, gli analisti di Morgan Stanley hanno deciso di ridurre le stime di Ebitda per il 2006 e per il 2007 rispettivamente del 2,1% e del 2,7%, per riflettere la politica più aggressiva recentemente adottata da Tim nel campo della telefonia mobile, l’accordo di leaseback raggiunto nel comparto immobiliare e anche le pressioni legate a un’ulteriore riduzione dei costi nella telefonia fissa. Al contrario, tra i fattori che sarebbero in grado di muovere l’azione Telecom Italia al rialzo ci sarebbero il completamento dell’attuale ciclo di riduzione degli utili più le attese legate a un aumento dei dividendi. Le preoccupazione del broker nel 2005 erano l’effetto delle previsioni di un cambiamento nella politca commerciale della telefonia mobile, ma anche la valutazione del gruppo e la debolezza dell’economia domestica. Le conseguenze dei primi due fattori sono state percepite, mentre le unità operative di Tim in Brasile hanno fatto meglio delle aspettative. Per i dubbi che Morgan Stanley continua a nutrire, il prezzo obiettivo delle azioni ordinarie Telecom Italia scende da 2,90 a 2,70 euro, mentre la raccomandazione resta invariata a “equal-weight”. Il settore delle telecomunicazioni è invece stato downgradato dalla banca d’affari da “attractive” a “in-line”.