Telecom Italia: La7 vicina al fondo Clessidra. Voci su una possibile uscita di scena di Bernabè

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 14/02/2013 - 09:23
Quotazione: TELECOM ITALIA
Alla fine la spunterebbe il Fondo Clessidra nella disputa per La7. Secondo quanto riportato da La Repubblica, la vendita di Telecom Italia Media sarebbe già dovuta avvenire in occasione del Cda di giovedì scorso con la maggioranza del board che già si era espressa in questo senso, preferendo l'offerta del fondo guidato da Claudio Sposito rispetto a quella di Urbano Cairo. Ma il tutto è stato bloccato dalla mossa a sorpresa da parte del presidente di Telecom Italia, Franco Bernabè, che ha chiesto ai consiglieri espressione di Intesa Sanpaolo e di Mediobanca una dichiarazione scritta del loro conflitto di interesse ai sensi della legge Vietti del 2003. Perché? Perché Ca' de Sass è l'advisor, con Merrill Lynch, del potenziale compratore Clessidra mentre Piazzetta Cuccia assiste il venditore Telecom e di fronte alla richiesta da parte di Bernabè si è deciso di prendere tempo. La cessione a Clessidra, scrive il quotidiano romano, consentirebbe al colosso tlc di abbassare il debito di 80-100 milioni, con un miglioramento del rapporto debito/Ebitda di circa 220 milioni.

Non solo. La Repubblica ipotizza un possibile cambio al vertice per Telecom. Contro Bernabè giocherebbero la strategia di puntare agli investimenti industriali a discapito dei dividendi, i ribassi del titolo e le incertezze che avvolgono lo scorporo della rete. Tutto questo starebbe convincendo agli azionisti ad un cambio del management che porterebbe, scrive il giornale, alla guida della compagnia il tandem Lorenzo Pellicioli e Paolo Bertoluzzo.
COMMENTA LA NOTIZIA